I racconti da me scritti

Ho il piacere di condividere il mio ultimo racconto scritto durante il lockdown per il Covid-19. È la storia di una partita di scacchi, ma non si tratta di una semplice partita, è qualcosa di più. Per leggere il racconto cliccare qui o sull'immagine.
Buona Lettura !!

I'm glad to share my latest story written during the lockdown for Covid-19. The story has been translated by a young girl English-born student. It's the story of a chess game, but it's not just a game, it's something more. To read the story click here.
Enjoy the reading !!



Contenuti in evidenza

Aiutiamo l'Associazione Kim Onlus che sta vivendo un'emergenza nell'emergenza.
Dal 1997 l’Associazione Kim onlus si occupa – in completa gratuità – di accoglienza, tutela e ospedalizzazione di minori italiani o stranieri gravemente ammalati, che vivano in condizioni di disagio economico e sociale, spesso provenienti da Paesi in guerra o da Paesi senza strutture sanitarie adeguate. Segue il minore, accompagnato dalla madre, in tutto il percorso: dalla richiesta d’aiuto all’ingresso in Italia se straniero, ai contatti con gli ospedali, e ospita e sostiene il nucleo famigliare nel suo centro di accoglienza.
La situazione è drammatica perché gli ospedali sono saturi e molti interventi programmati per i bambini sono stati rinviati. I rientri nei Paesi d’origine sono sospesi per via dei blocchi aerei, le permanenze in Casa di Kim si allungano e i costi per l’accoglienza salgono a dismisura. In queste condizioni l’Associazione KIM rischia di fermarsi. I BAMBINI RISCHIANO DI RIMANERE SOLI, SENZA AIUTO.
Si può contribuire con un bonifico (IBAN: IT35Y0200803284000102791608) oppure online cliccando qui o sull'immagine.
Grazie per quanto potrete fare.



Contenuti in evidenza

Il mio contributo per ricordare che viviamo in un Paese bellissimo messo a dura prova. Niente e nessuno però potrà fermarci e presto torneremo a suonare e a ballare nelle piazze.




Contenuti in evidenza

Il coronavirus non sta colpendo soltanto la nostra immunità fisiologica, ma soprattutto la nostra umanità. Il covid-19 ci sta isolando, ci tiene lontani dagli affetti, dalle amicizie, da quello che ci ha sempre distinto come esseri viventi: la socialità. L’uomo è un’animale sociale, lo siamo sempre stati fin dall’inizio e senza “l’altro”, siamo nessuno.

Abbiamo bisogno di percepire il contatto fisico dell’”altro”, abbiamo bisogno della sua mano, del suo respiro, dei suoi abbracci, del suo sguardo.
Il problema è che il bastardo ha trovato terreno fertile nell’isolarci, perché di fatto prima del suo arrivo, vivevamo già isolati, se non del tutto, direi spesso e volentieri. Gli attuali strumenti tecnologici di comunicazione, telefono, chat, social, video, ecc., ci impediscono quel contatto fisico di cui abbiamo bisogno come fosse del cibo. È accaduto che nel tempo ci siamo assuefatti a questa situazione e, magari in maniera inconsapevole, abbiamo ritenuto che possiamo fare a meno del contatto con l’”altro”.



continua...

Consigli utili da CuciNet.Com

Una ricetta fantastica che onorerà i grandi momenti. La Ricciola (Seriola Dumerilli) è un pesce azzurro dalle carni prelibate, sode e rosate e dal sapore delicato e fragrante, che vive sia nel Mediterraneo sia nei mari oceanici. Non ha molte lische e ha poche calorie. Per questo piatto ho utilizzato i filetti di ricciola per la preparazione sia del ripieno dei ravioli sia del condimento a base di pomodorini e gamberetti. Il risultato è stato notevole. Buona Degustazione !!



continua...

Consigli utili da CuciNet.Com

Una ricetta semplice a base di una crema all'arancia che donerà alle fettuccine un sapore particolare e originale. La mia ricetta utilizza i dadini di prosciutto cotto, ma è ottima anche utilizzando in alternativa i gamberetti sgusciati oppure senza aggiungere altro, perché la crema già da sola è un ottimo condimento per la pasta. Ora basta alle ciance e mettiamoci all'opera!



continua...

Consigli utili da CuciNet.Com

La base della Gricia, quel piatto fantastico della cucina romana, la conosciamo tutti: Guanciale e Pecorino. Si tratta della stessa base dell'evoluzione della Gricia che ha creato la Matriciana. Tutto sommato, però, potremmo andare oltre e con un po' di fantasia potremmo creare altre sfumature di Gricia, magari anche 50 Sfumature di Gricia...
Qui presento una mia sfumatura utilizzando un altro ingrediente della cucina romana, i broccoli romaneschi, che dopo essere stati lessati, vengono ripassati in tegame e uniti al guanciale e al pecorino ottenendo un piatto fantastico. Ma non anticipiamo troppo: pronti? Via!



continua...

Contenuti in evidenza

"Dall’America all’Europa all’Italia sembra uscire allo scoperto, fomentato da politici e media irresponsabili e amplificato dai pareri espressi sui social media, un clima aperto di razzismo e xenofobia, come se l’espressione di odio razziale nei confronti dei migranti o delle minoranze, anche con linguaggi e gesti violenti, non fosse più un tabù ma una legittima opinione." Scrive così Vittorino Andreoli, famoso psichiatra italiano nonché scrittore e poeta. Le parole di Andreoli mi hanno colpito molto e mi hanno ricordato "Er nemico", una famosa poesia di Trilussa che, pur scritta nel 1919, appare  drammaticamente attuale.



Consigli utili da CuciNet.Com

Uno dei primi piatti più famosi della cucina toscana e non solo. Se proprio vogliamo essere puntigliosi, ogni regione italiana può vantare una propria tradizione di preparazioni a base di carne di cinghiale. In particolare nelle regioni centrali, l'abbinamento pappardelle / cinghiale è piuttosto diffuso. Qui presento una ricetta da me elaborata che si ispira alla tradizione toscana che vuole che la polpa di cinghiale non venga macinata, ma preparata con il coltello. Rispetto alla ricetta originale, non utilizzando nella cottura la marinatura, il risultato è un gusto più delicato. Buona Degustazione !

 



continua...

Contenuti in evidenza

[Virgilio, Eneide, Libro I 538-543]: "Huc pauci vestris adnavimus oris. Quod genus hoc hominum? Quaeve hunc tam barbara morem permittit patria? Hospitio prohibemur harenae; bella cient primaque vetant consistere terra.
Si genus humanum et mortalia temnitis arma, at sperate deos memores fandi atque nefandi.”

 "In pochi a nuoto arrivammo qui sulle vostre spiagge. Ma che razza di uomini è questa? Quale patria permette un costume così barbaro, che ci nega perfino l’ospitalità della sabbia; che ci dichiara guerra e ci vieta di posarci sulla vicina terra.
Se non nel genere umano e nella fraternità tra le braccia mortali, credete almeno negli dèi, memori del giusto e dell’ingiusto."