Home page - GOURMET - L'AUTUNNO, TRIPUDIO DI SAPORI
  Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa
L'AUTUNNO, TRIPUDIO DI SAPORI



L'AUTUNNO, TRIPUDIO DI SAPORI

L'Autunno, una stagione ricca di sapori e di colore, ma soprattutto di calore!

Chi l’ha detto che l’autunno è una stagione acerba, priva di colori e fascino. Non è vero, proprio perché – gastronomicamente argomentando – si riscoprono svariate ricette messe “in panchina” durante l’estate. Zuppe, creme, minestre, risotti, umidi, bolliti, brasati e altre leccornie realizzate con ingredienti che strizzano l’occhiolino al sapore. In verità, sembra che persino il palato brami qualcosa di morbido e… rassicurante. Perciò, la cucina autunnale offre molteplici occasioni meritorie. Prelibatezze ed esecuzioni culinarie che di sicuro i lettori di CuciNet.Com non mancherenno di onorare.

Inoltre, l’autunno è il tempo delle vendemmie, del vino nuovo, dei funghi preparati in svariate declinazioni e mode. Una stagione tutt’altro che moscia come invece qualcuno impunemente sostiene.

Anzi, dirò di più: proprio sul versante cucina, sono disponibili ingredienti e bontà davvero esclusivi e peculiari.
Nondimeno, l’arrivo delle prime giornate fredde fomenta il bisogno di star tutti assieme al caldo godendo di cibo e vino buono.

Per quanto concerne i piatti autunnali in auge, c’è solo da investire in estro e fantasia. Ecco una ricetta “classica” leggermente personalizzata, di facile esecuzione e al tempo stesso buona come poche altre.

 

Riso e patate con fragranze di salvia

Preparazione per due persone: 200 circa g. di riso vialone nano, 1 porzione di patate lessate (ottime anche se avanzate), 60 g. di burro, ½ spicchio d’aglio, ½ cipolla, qualche foglia di salvia, ½ bicchiere di vino bianco secco, prezzemolo tritato, noce moscata, un cucchiaio d’olio d'oliva extravergine, sale, pepe, brodo vegetale preparato con anticipo.
 

Prendere la cipolla e tritarla. Soffriggerla nell'olio con l’aglio intero. Nel frattempo, far bollire il brodo vegetale, ma non troppo a lungo. Nel fondo di cipolla, unire le patate e cucinarle sino a ridurle in purea. Aggiungere il riso e le foglioline di salvia in precedenza lavate. Dopo la tostatura, bagnare con il vino bianco, sfumare e iniziare ad aggiungere il brodo caldo, un po’ per volta, senza fretta. Verso fine cottura, aspergere di noce moscata grattugiata e iniziare “il rituale” della mantecatura. Burro, parmigiano e prezzemolo trito, mescolando forte e a fuoco spento. Coprire con un coperchio per meno di un minuto, quindi servire su pirofila o piatto pronto. Qualche foglia di prezzemolo potrà esser utile come decorazione, senza tuttavia esagerare.

Per questo risotto è consigliabile un vino bianco Soave, servito fresco. Buon appetito!

 

 

 








 
Home page - GOURMET - L'AUTUNNO, TRIPUDIO DI SAPORI