Home Page Presentazione di Cucinet.com Contatti Photo Gallery Il mio profilo su Facebook La mia pagina su Twitter


Cerca nel sito

Gaetano Taverna

Per l'Italia e per l'estero
le mie opere sono
rappresentate da

Seumestr. 5
D-81379 München
Tel. +49-(0)89-20019914
Fax +49-(0)89-20019916
www.litag-roderer.de
Juliane.Roderer @ t-online.de

Una spia tra i fornelli
I miei Tweets

On-line

Abbiamo
3 ospiti e
0 utenti online

Sei un utente non riconosciuto. Puoi effettuare il login qui.


Menu Principale

I nostri Amici

 

 

 



Random Aphorism

Groucho Marx

IL LIBRO

aphorism cover

« All'infuori del cane, il libro è il migliore amico dell'uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere »

Vai sulla pagina dedicata in Wikipedia
Vai alla nostra raccolta di Aforismi


Random Book

Maurizio Lanteri, Lilli Luini

BRUJA

book cover

Jacopo Bignone ha trentotto anni e vive ad Albenga con i genitori, senza sapere bene cosa farà da grande. Loro vorrebbero cedergli il negozio di gastronomia, lui aspira a diventare giornalista. Fino ad ora, però, è fermo a incidenti stradali, risse tra extracomunitari e sagre contadine. Poche righe in cronaca, che firma con le sue iniziali. JB, come la marca del whisky. In una notte di fine estate, Jacopo giunge per primo sul luogo di quello che sembra il solito incidente, causato da un pirata della strada. La vittima è una giovane donna, vestita in modo succinto e priva di documenti. Poche ore dopo una seconda ragazza, bellissima, si materializza davanti ai fari della sua auto. Cammina sulla statale a piedi nudi, sola. Jacopo le offre un passaggio. Non immagina che l'identità della ragazza e i pericoli che sta correndo finiranno per trascinarlo in un buco nero. Tassello dopo tassello, ricostruirà una faida aspra e violenta, iniziata ai tempi della guerra partigiana e non ancora conclusa. Un noir mediterraneo appassionato, la caccia a un assassino uscito da un passato collettivo che non si riesce a dimenticare.

Cliccare qui per ordinare il libro su amazon.it
Vai alla nostra Libreria

 


Contenuti in evidenza

L'Associazione Slow Food ha avviato una campagna di solidarietà internazionale per sostenere le popolazioni coinvolte nel terremoto che ha colpito l'Italia centrale il 24 agosto 2016. Slow Food chiede ai ristoratori di tutto il mondo, in particolare a quelli della tradizione gastronomica italiana, di inserire per un anno nel proprio menù la Pasta all'Amatriciana e di devolvere al Comune di Amatrice due euro per ogni piatto consumato (un euro donato dai clienti e uno dai ristoratori).
Per maggiori informazioni, in particolare sulle modalità di versamento delle somme raccolte, clicca qui.


per scaricare il comunicato stampa, cliccare qui o sull'immagine

 


Consigli utili da CuciNet.Com

Della serie "Fantasia per l'estate", vi presento la mia Insalata di Pasta agli 8 Gusti.
Interpreti principali: peperoni arrostiti, pomodorini, feta greca, mandorle, melone, bresaola, zafferano, erba cipollina.
Lessare la pasta al dente e farla raffreddare subito sotto l'acqua corrente. Farla scolare bene e unirla agli ingredienti già preparati e tagliati. Condire solo con olio extra vergine, mescolando con moderazione. Farla riposare fuori dal frigo per un paio d'ore prima di servirla.

 


Consigli utili da CuciNet.Com

Malgrado le centinaia di ricette collaudate e riportate in CuciNet.Com, sono sempre alla ricerca di novità stuzzicanti e fantasiose. Avere degli amici a cena mi offre l'occasione di sperimentare una nuova ricetta oppure di provare qualche piatto presentato in uno di quegli interessanti Blog di Cucina che visito spesso.
Sul Blog Forchettina Irriverente, della blogger Emanuela, ho trovato una ricetta adatta al periodo estivo che mi ha stuzzicato l'interesse e l'appetito: Insalata di farro al pesto con zucchine grigliate e salmone affumicato.

Quella che presento ora, è una versione personalizzata della ricetta di Emanuela, alla quale vanno i miei ringraziamenti e i miei complimenti per il bel Blog che gestisce, di cui consiglio ... l'assaggio...

 

 


Segnalazioni di locali provati da CuciNet.Com

Sempre alla ricerca di locali nuovi che richiamano sapori e tradizioni del passato, segnaliamo un nuovo locale a Venezia, un tipico Bacaro veneziano, l' Ostaria al Forno. Il nome richiama l'antico panificio che in passato occupava i locali e che è visibile all'interno.
Si trova nella calle di fronte alla fermata del vaporetto dell'Arsenale che porta al campo omonimo, in una zona di Venezia molto caratteristica e popolare, la stessa, nella zona dell'antico Arsenale della Repubblica di Venezia, Calle dei Forni, dove si producevano le famose gaete e il pan biscotto per i marinai della repubblica (crostoli di pane che duravano anche anni senza alterarsi).
All'interno il locale si presenta molto rustico sia nella struttura, con murature faccia a vista, che nel mobilio, tutto in legno di ciliegio.

L'osteria, gestito da Luca Rizzi, serve ai propri ospiti vino di qualità, birra artigianale e cicchetti vari.

OSTARIA AL FORNO
Calle dei Forni - Arsenale
Castello 2282/A
30122 Venezia
cliccare qui per visualizzare la mappa

 


Segnalazioni di locali provati da CuciNet.Com

Il bàcaro - da bac, Bacco, o da far bàcara, sinonimo veneziano di festeggiare, è la tipica osteria veneziana dove da tempo immemorabile è possibile gustare degli appetitosi cicheti e delle ottime ombrete di vino.

 


La Cucina

Il carciofo (Cynara scolymus) è uno di quegli alimenti che hanno sempre accompagnato la nostra alimentazione e le nostre tradizioni gastronomiche. Il carciofo  è stato considerato, fin dai tempi antichi, una pianta di origine divina: basti pensare che la mitologia attribuisce a Giove la creazione del carciofo. Il capostipite degli dei ellenici, infatti, si era innamorato di una fanciulla dai capelli color cenere di nome Cynara cui donò l'immortalità trasformandola in pianta.

leggi tutto

 


Winemozione: vino e non solo

Winemozione: la rubrica di Cucinet.com dedicata al vino e non solo. Attraverso la storia lungo l’ambiguo itinerario della bevanda cara agli Dei, alla ricerca del sacro e del profano, del possibile e dell’immaginario, sino ad approdare a “lidi” a noi più domestici, e vale a dire il gusto, il piacere e la genuinità del felice licore. Un ardito balzo nel tempo - da Dionisio ai giorni nostri - tentando di evincere dal vino non solo i meri aspetti sensoriali, ma altresì la considerevole mole di iconografie e tratti peculiari che a ragione sono indiscusso patrimonio della più antica delle bevande.


Cliccare qui o sull'immagine per accedere alla rubrica

 


Consigli utili da CuciNet.Com

Una ricetta elaborata, ma dal risultato eccezionale. All'interno di uno strato di croccante pasta brisée, il gusto di carciofi, fagiolini e spinaci amalgamati dalla morbidezza del purée di patate. Buona Degustazione!

 


Consigli utili da CuciNet.Com

Un vecchio detto popolare siciliano recita: “vruoccolu, vruoccolu, beddru vruoccolu”: e non può essere così. Il broccolo, bianco o verde che sia, è uno dei principi degli ortaggi. Il suo sapore, intenso e delicato nello stesso tempo, permette di preparare dei piatti fantastici. Sono molte le regione italiane che onorano molti dei loro piatti con la presenza del broccolo o del cavolfiore. Qui presento un piatto tipico siciliano, Pasta con Vruocculi Arriminati, ma con una mia personalizzazione che vede l'aggiunta delle cozze. Si tratta del piatto che ho presentato al programma televisivo di TV2000, "Quel che passa il Convento", andato in onda il 10 novembre. Buona degustazione. Per la ricetta, cliccare qui o sull'immagine.

 


La Scrittura Creativa

Nello scrivere un romanzo, o un racconto, ogni autore imposta il suo progetto di scrittura creativa in base alla propria esperienza, cultura, prassi, fonti, coinvolgendo quello che io chiamo il patrimonio dell'autore, un patrimonio che parte di certo dalla creatività (ispirazione, fantasia), passa per la volontà o entusiasmo di portare avanti il proprio progetto, e si finalizza nella ideazione della trama, elemento fondamentale e prezioso per la stesura del romanzo.

 


Parliamo di Vino

Vi è mai capitato di bere un buon bicchiere di vino e soffermarvi con la mente alla storia di questa delizia, come sia nata e come, da sempre, sia stata presente nella storia dell'umanità? La storia del vino è un po' la storia stessa dell'uomo. Risulta quindi difficile tracciarne con precisione il corso: ogni civiltà, ogni impero, ogni vicenda politica e di potere ha avuto le proprie storie di vino, più o meno legate agli eventi stessi che hanno delineato il corso della storia.

Storia del Vinoleggi tutto

 

Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti - Powered by MAXdev